Volterra: Teatro Romano nella top Five di Discovery News

Facebooktwitteryoutubeinstagram

volterra_scavo_gladiatoriIl ritrovamento dei resti di un anfiteatro, di cui si ignorava l’esistenza, è avvenuto in maniera casuale nell’estate scorsa. Si è subito parlato nel mondo archeologico dei “Gladiatori di Volterra“. Lo scavo dell’anfiteatro di Volterra entra adesso nella top five di Discovery News dei siti archeologici più promettenti al mondo per il 2016 insieme ai nuovi rilievi sulla tomba di Tutankhamon, alla scansione delle piramidi d’Egitto, alla nuova Stonehenge scoperta in Gran Bretagna e al galeone San José ritrovato lo scorso dicembre sui fondali del Mare dei Carabi con il suo carico di 11 milioni di dobloni d’oro.

“E’ con soddisfazione incredibile che vediamo l’ Anfiteatro di Volterra nella “top five” dei siti che potrebbero riservare le scoperte più importanti al mondo nel 2016, addirittura assieme alla tomba di Tuthankhamon e Stonehenge – dichiara il sindaco Marco Buselli –  In primavera, mentre la Soprintendenza sta già lavorando ad un progetto di recupero complessivo del sito archeologico, lanceremo anche un’operazione di fund raising a vasto raggio, finanziata dal Comune di Volterra.
Il prossimo passo è la visita del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini a Volterra. Penso – conclude il primo cittadino – che il futuro dell’Italia passi dai nostri tesori, se sapremo dar loro valore. Non possiamo permetterci di lasciare sepolta una scoperta così sensazionale come il nostro anfiteatro”

“Ho subito cercato il ministro Franceschini, che si è rallegrato e ha chiesto di essere aggiornato, annunciando una visita in loco entro un arco di tempo breve” così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi durante la presentazione della scoperta archeologica avvenuta a Volterra.

“Volterra si conferma città di grande importanza nel suo passato anche romano, e continua ad esserlo oggi per la Toscana e per il mondo – concludeva Rossi – sogniamo una Toscana che è forte della sua storia, del suo passato, ma che vuole stare nella contemporaneità, essere una regione che cresce, si sviluppa, innova. Tenere in equilibrio questi due poli è il nostro segreto e il nostro futuro. Credo che ci stiamo riuscendo”.

 

 

Facebooktwitter