Filiera corta, a Calenzano un mercato di prodotti biologici

Facebooktwitteryoutubeinstagram

prodotti_filiera_cortaSaranno circa 25 gli espositori da cui i calenzanesi ma non solo, avranno la possibilità di acquistare frutta e verdura di stagione direttamente dai produttori e coltivatori locali, avendo quindi la garanzia di prodotti sempre freschi e biologici.
Una novità per la città di Calenzano che per la prima volta disporrà di
un appuntamento fisso con il mercato di filiera corta che si svolgerà l’ultima domenica di ogni mese in Piazza Vittorio Veneto dalle ore 9.00 alle 13.00.
L’inaugurazione domenica 31 gennaio 2016 nella piazza antistante il Comune.

Da qualche tempo stiamo assistendo ad un ritorno alle origini in tema di cibo, i consumatori sono sempre più attenti a quello che mettono in tavola, privilegiando frutta e verdura di qualità, per cui il mercato di filiera corta rappresenta un appuntamento imperdibile per tutti coloro che desiderano stare bene mangiando.

 Sui banchi del mercato prodotti biologici: a Km 0 sarà possibile trovare anche carne, uova, miele e confetture tutte rigorosamente certificate e prodotte sul territorio.

Organizzatore dell’evento è l’Associazione Turistica di Calenzano che ormai da anni è impegnata nella promozione e valorizzazione dei prodotti e delle imprese presenti sul territorio comunale di Calenzano, favorendo la conoscenza e quindi la diffusione di produzioni e coltivazioni senza l’ausilio di serre e coltivazioni intensive, permettendo di riscoprire i sapori autentici di una volta.

L’impegno nella divulgazione della cultura del “mangiar bene” è uno dei capisaldi  dell’Associazione, che si prodiga per sostenere e incoraggiare le aziende agricole del territorio.  

Anche questo appuntamento rappresenta un momento di incontro tra la cittadinanza e i coltivatori che si impegnano ogni giorno per offrire prodotti genuini e di qualità. Il mercato sarà strettamente collegato con lo Spaccio Locale ubicato presso la sede dell’Associazione Turistica di Calenzano in piazza Gramsci 9, che registra ogni anno un incremento notevole nella vendita dei prodotti locali, arrivando a vendere fino a 250 litri di olio extravergine di oliva, 150 kg di formaggi, 100 kg di miele e molto altro ancora.

 

Facebooktwitter