Dichiara amore sulle mura di Firenze, ecco come lo hanno scoperto

Facebooktwitteryoutubeinstagram
dichiarazione_amore_firenze_bEsprime il suo amore nei confronti di una ragazza scrivendo una dichiarazione romantica su un muro in Borgo La Croce, nel pieno centro storico del capoluogo toscano.
Un gesto costato caro ad un uomo di 39 anni.
La scritta lunga circa 3 metri e alta 2: “Ma quanto ci metti per capire che inesorabilmente siamo innamorati” ecco cosa l’ignoto writer ha vergato con la vernice nera sulle antiche pietre deturpando il muro storico della chiesa. Lo hanno scoperto gli investigatori anti writers di Firenze
Un grosso cuore rosso, una lunga freccia nera ed arancione ed una nuova scritta “Di Te & Tu di Me” in rosso ed arancione.
Ecco come lo hanno scoperto.

La pattuglia ha chiesto l’intervento del personale della squadra-writer della Polizia Municipale che ha trovato ulteriori scritte dello stesso tenore anche in via dell’Ortone e via della Mattonaia con una J puntata come firma.
Da colloqui con gli esercenti della zona, è emerso che la “dichiarazione” è stata realizzata nella notte.
Considerato che una scritta più piccola ma analoga era anche su di un portone della strada, i vigili hanno avviato alcuni accertamenti sugli abitanti del palazzo.
Soltanto una persona è risultata compatibile con una scritta amorosa: una giovane di 22 anni. Rintracciata in casa, i vigili hanno notato che la scritta incriminata era ben visibile dalla finestra della cucina.
La ragazza inizialmente ha negato di sapere chi fosse l’autore, ma dopo che la pattuglia ha raccolto ulteriori elementi che indicavano proprio nella giovane la destinataria della dichiarazione d’amore, alla fine ha ammesso di conoscere il writer romantico. E anzi ha avvisato i vigili che costui stava arrivando.
Grande è stata la sorpresa della pattuglia che pensava ad una ragazzata giovanile: a casa della ragazza si è infatti presentato un uomo di 39 anni, che ha dichiarato di essere un professionista di una certa fama.
L’uomo ha ammesso la propria responsabilità e ha voluto che fosse messo a verbale la sua disponibilità ad attivarsi per rimuovere il danno a proprie spese. Per lui è scattata una denuncia per deturpamento e danneggiamento di un bene storico-architettonico.
Facebooktwitter