Il luogo di Uni: Poggio Colla, un santuario etrusco nel Mugello

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Una mostra temporanea con alcuni piccoli ma preziosi oggetti, tra i quali un frammento di bucchero con rappresentata la più antica scena di parto del mondo etrusco e (forse) dell’antichità mediterranea.

Resterà aperta fino al 3 settembre la mostra che fa luce sull’ipotesi che il santuario fosse sede di una divinità femminile

Una stele e una base di statua con iscrizioni etrusche, pregevoli bronzetti votivi, buccheri decorati: alcuni piccoli ma preziosi oggetti costituiscono il suggestivo allestimento ‘Il luogo di Uni’: Poggio Colla, un santuario etrusco nel Mugello inaugurato sabato 25 marzo alle 16,30.


Il Museo Archeologico di Artimino festeggia così il sesto anno di vita regalandosi una mostra temporanea che inaugura un nuovo periodo di valorizzazione della struttura. L’esposizione focalizza l’attenzione sui reperti rinvenuti nel santuario di Poggio Colla, nel Mugello, risalenti a un periodo compreso tra il VII e il II secolo a.C di cui fu proprio l’archeologo Francesco Nicosia a iniziare gli scavi. Alcuni ritrovamenti e la lettura delle iscrizioni, in particolare della stele che in un passo sembra indicare appunto ‘il luogo di Uni’, hanno rafforzato l’ipotesi che sull’altura avesse sede anche il culto di una divinità femminile.
Nell’esposizione l’accento è posto proprio sui caratteri femminili del santuario, come l’eccezionale scena di parto riprodotta su un piccolo frammento di vaso in bucchero, sicuramente la più antica scena di parto del mondo etrusco e probabilmente dell’antichità mediterranea. Una testina maschile di bronzo di età arcaica che per la sua elaborata capigliatura è identificata come una divinità, dà invece la misura della qualità delle importazioni nel santuario. Completano l’allestimento un ologramma della stele, al momento ancora in restauro, e alcune immagini delle operazioni di scavo oltre a un breve filmato realizzato dalla CNN sul ritrovamento.

“Una mostra prestigiosa e di così alto valore storico e culturale – sottolineano Stella Spinelli, assessore alla Cultura ed Edoardo Prestanti sindaco di Carmignano – conferma il nostro territorio meta favorita per lo studio della civiltà etrusca. Un’occasione ulteriore per visitare il museo già scrigno di tesori inestimabili e per ammirare le preziose testimonianze etrusche di Comeana e Prato Rosello”.

Il luogo di Uni’: Poggio Colla, un santuario etrusco nel Mugello, curata dal Mugello Valley Archaeological Project (MVAP) e dalla Soprintendenza ABAP (Archeologia, Belle Arti e Paesaggio) per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, è organizzata in collaborazione con il Comune di Carmignano. Gli scavi di Poggio Colla, dopo l’iniziale studio di Nicosia, dal 1994 e per 21 anni sono stati condotti dal consorzio di università statunitensi (MVAP) sotto la direzione di Gregory Warden.

‘Il luogo di Uni’: Poggio Colla, un santuario etrusco nel Mugello

25 marzo – 3 settembre 2017

Museo Archeologico di Artimino, piazza San Carlo 3, Artimino, Carmignano, PO. Tel.055/8718124; email: parcoarcheologico@comune.carmignano.po.itwww.parcoarcheologicocarmignano.it

Orario di apertura: lu-ma-gi-ve: 9.30 – 13.30; sa-do: 9.30-13.30, 15.00 – 18.00.

Facebooktwitter