Campagna Amica apre nel cuore di Firenze

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Il centro di Firenze durante la Pasqua è stato letteralmente invaso dai turisti italiani e stranieri, grandi presenze sono previste anche per i prossimi ponti del 25 Aprile e del 1° Maggio.
Tutti parlano del 2017 come l’anno dei record per la Città del Fiore che dovrebbe disintegrare il record dei 90 milioni di presenze del 2016.

In questo contesto a pochi metri dalla Torre di Arnolfo apre il primo Punto Campagna Amica del sistema Coldiretti che taglia il nastro giovedì 20 aprile alle ore 11.00 in Via Matteo Palmieri 25r all’Arco di San Pierino.

E’ l’Azienda Agricola aretina Terra Etruria di Terranova Bracciolini che fa il grande balzo verso la città. “La nostra azienda – dice il titolare Puccio Mariani –  nasce nel 2001 a Pianalti della Setteponti,  lungo la via etrusca che collegava Fiesole con Arezzo attraverso  le terre del versante destro del Valdarno superiore. La Setteponti è un percorso storico, punteggiato da prestigiosi monumenti nazionali del periodo romanico e rinascimentale. Fin dall’inizio – spiega Marini – ci siamo impegnati con tutte le nostre forze e con l’amore che ci lega a questa terra, in un progetto vitivinicolo fondato sui vitigni autoctoni, integrato dalla produzione di olio extravergine di oliva estratto a freddo e altri prodotti specifici del territorio, come i fagioli zolfini e la tarese; la frutta e gli ortaggi vengono trasformati nel rispetto delle antiche tradizioni, ma con un’attenzione particolare alle innovazioni nel gusto per ottenere sapori unici. Sapori che da adesso possono essere apprezzati dai fiorentini, e dai turisti, nel centro di Firenze, in via Matteo Palmieri, 25/R. Qui si vendono e si raccontano le nostre produzioni ed è possibile anche fare assaggi e degustazioni dei prodotti lavorati dalla nostra Azienda”.

“E’ la scelta della filiera corta – dice Tulio Marcelli, presidenti di Coldiretti Toscana  che la nostra organizzazione  ha rilanciato da quasi dieci anni dando vita nel 2008 al progetto  di Campagna Amica per realizzare iniziative volte ad esprimere pienamente il valore e la dignità dell’agricoltura, rendendo evidente il suo ruolo chiave per la tutela dell’ambiente, del territorio, delle tradizioni e della cultura, della salute, della sicurezza alimentare, dell’equità, dell’accesso al cibo ad un giusto prezzo, dell’aggregazione sociale e del lavoro”.

“In un’epoca in cui la globalizzazione dell’economia porta a delocalizzare le produzioni e il “dumping” ambientale, sanitario e sociale è la regola per tenere bassi i costi, i produttori di Campagna Amica – dice Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana – che scommettono sul loro territorio – sono un grande esempio virtuoso. Sono imprenditori che continuano ad investire e innovare nella propria impresa, utilizzando pratiche agronomiche compatibili con la tutela dell’ambiente e della biodiversità. Sono agricoltori che si ostinano a rifiutare i semi geneticamente modificati (Ogm) e si impegnano a fare qualità a prezzi equi, con prodotti che rappresentano un importante patrimonio materiale e immateriale per tutto il Paese. Nella nostra regione – conclude De Concilio – sono circa 1000 le aziende agricole che hanno scelto di condividere il Progetto Campagna Amica e circa 100 i Mercati settimanali degli agricoltori. Questo esempio di un nostro produttore, verrà presto replicato con la realizzazione di un Mercato di Campagna Amica nel cuore di Firenze”.

Facebooktwitter