Clubbing for Heroes, il ritmo degli anni Ottanta: fashion e rock’n roll

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Clubbing for Heroes, il ritmo degli anni Ottanta è il racconto di una Firenze che cominciava a svegliarsi, c’era freschezza culturale dappertutto, la new wave fiorentina stava esplodendo, nascevano molte label indipendenti, nuovi luoghi per la musica dal vivo, il teatro raccontava storie nuove con nuovi linguaggi, la moda scardinava tutto quel che c’era prima, con coraggio estetico, il corpo diventava un palcoscenico, tutto diventava performance, eccesso, esibizione, nascevano i videobar, il design scopriva nuove traiettorie, la fotografia trovava altri protagonisti: ecco com’erano Firenze e la sua fauna d’arte negli anni Ottanta. Qualcosa di unico e forse irripetibile.

Rinascimento Rock. Così sono stati ribattezzati a
Firenze gli anni Ottanta perché, proprio come nel periodo felice tra XIV e XV secolo, la capitale toscana ha vissuto uno straordinario fermento, un effervescente rinnovamento delle arti e della cultura, innescato da nuove tendenze e movimenti giovanili d’impronta internazionale.

I templi del divertimento – i club – vissero una stagione irripetibile, di contaminazioni inedite tra musica, teatro, moda, visual art. Alcuni ancora esistono, altri non più, ma i loro nomi sono leggenda: Banana Moon, Rokkoteca Brighton, Casablanca, Manila, Boper, Tenax, Flog, Paramatta, Salt Peanuts, Plegyne (ma la lista è assai più lunga).

Da qui hanno preso il largo Litfiba, Diaframma, Krypton, Magazzini Criminali e tanti altri, da qui è passato il meglio dello spettacolo internazionale. Ma soprattutto qui si è formato un nuovo tessuto creativo e intellettuale, così ricco da fare invidia alle maggiori città europee.

Bruno Casini, che ne è stato artefice e protagonista, racconta quegli anni in questo libro che potremmo definire “enciclopedico”, e ne fa storia a tutti gli effetti, col contributo di molti autorevoli compagni di strada.

Incontri

FIRENZE – 9 giugno 2017 ore 19
Contempo Records – via de’ Neri 15r
con Antonio Aiazzi, Adriano Primadei, Gimmy Tranquillo e altri ospiti

SALSOMAGGIORE (Pc) – 1 luglio 2017 ore 18.30

per il XXV Beat Festival (28-6/2-7 – Ponte Ghiara)
con Gino Delle Donne

FOLLONICA (Gr) – 3 agosto 2017 ore 18

Congo Bar – via Spiaggia di Levante 17

FIRENZE – 5 settembre 2017 ore 21
Limonaia di Villa Strozzi – via Pisana 77
con gli inventori del Laster di Firenze – Antonio Aiazzi, Giulio Felli, Massimo Montagni, Andrea Parenti, Gianni Tei – e Nicola Vannini (Rokkoteka Brighton – Audioglobe)

SAN GIOVANNI VALDARNO (Ar) – 3 giugno 2017 ore 17
Palazzo D’Arnolfo Museo Terre Nuove – piazza Cavour 1
nell’ambito della rassegna “Le piazze del sapere”
con Maurizio Viligiardi (sindaco) e Giampiero Bigazzi (Materiali Sonori)

FIRENZE – 20 maggio 2017 ore 17
Libreria IBS+Libraccio – via de’ Cerretani
con Stefano Fabbri, Cesare Pergola e Barbara Pignotti 

Fiorentino, si occupa da sempre di comunicazione e promozione culturale. Laureato in storia del cinema con Pio Baldelli, è stato negli anni Ottanta tra i fondatori della rivista Westuff e ha diretto per oltre dieci anni – nel capoluogo toscano – l’Independent Music Meeting, prima rassegna italiana delle etichette indipendenti.
Primo manager del gruppo, ha publicato In viaggio con i Litfiba. Cronache rock dagli anni Ottanta (ZONA, 2009), il libro che ne ha anticipato la reunion. Tra i fondatori del Banana Moon, storico freak-rock club fiorentino, ha dedicato a quella esperienza il libro omonimo (ZONA, 2008).
Ha pubblicato anche Felici & Maledetti. Che fine ha fatto Baby Jane? Moda e clubbing anni Ottanta a Firenze (ZONA, 2011), Ribelli nello Spazio. Culture Underground Anni Settanta (ZONA, 2013) e Sex and the World. Viaggi gay e rock’n roll (ZONA, 2015); 1975: viaggio in Afghanistan (Catcher, 2006) e curato i volumi Tondelli e la musica (Baldini & Castoldi, 1994) e Frequenze Fiorentine (Arcanapop, 2003).

Il libro contiene interventi di Giovanni Ballerini, Stefano Fabbri, Alberto Pelò e interviste a Antonio Aiazzi, Rodolfo Banchelli, Giampiero Bigazzi, Larry Hit Bolognesi, Stefano Bonamici,
Lorenza Calamandrei, Ivan Cattaneo, Antonio Eze Cuscinà, Samuele Mazza, Pierfrancesco Pacoda, Cesare Pergola,
Adriano Primadei, Johnson Righeira, Massimo Sestini, Vincenzo Striano, Sandro Tamburi, Gimmy Tranquillo, Nicola Vannini
Foto prima di copertina Maurizio Berlincioni – Foto quarta di copertina Lucia Baldini – Foto autore Filippo V. Milani

Facebooktwitter