Foreste casentinesi, week end nel Parco nazionale

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Il fine settimana del Parco nazionale si apre sabato mattina alle 9 alla Villetta di Campigna, centro informazioni del Parco nazionale, con il workshop “Fauna minore e foreste”. Cosa si intende per “fauna minore”? Quella meno importante?

Sono le specie animali di piccole dimensioni: farfalle,  libellule, coleotteri, gamberi e i granchi di fiume, rospi, rane, tritoni, salamandre, mammiferi come i toporagni, i moscardini e le arvicole, i pipistrelli e tantissime altre specie.
Alcune di queste sono di interesse comunitario e protette secondo la direttiva Habitat dell’Unione Europea.
L’incontro è promosso dal parco nazionale delle Foreste casentinesi e dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Pratovecchio.
Presso lo spazio espositivo sarà allestita la mostra “Le Millenarie Foreste casentinesi. Viaggio nelle foreste vetuste del Parco nazionale”.


Nel pomeriggio si potrà partecipare ad una visita guidata alla mostra e ad una breve escursione al seguito dei ricercatori. L’attività, a prenotazione obbligatoria, è a partecipazione gratuita.
Informazioni ulteriori possono essere richieste presso Idro, ecomuseo della acque di Ridracoli (tel. 0543 917912; ladigadiridacoli@atlantide.net).

Torna sabato a Stia “Il Planetario dei piccoli” con il programma “Un… due… tre… stella: Il cielo stellato estivo”. Si tratta di un laboratorio tematico con attività sotto la cupola del Planetario rivolte ai bambini.
Per informazioni e prenotazioni: consorzio Casentino sviluppo e turismo (0575. 520511), cooperativa Oros (335. 6244537), ufficio informazioni del parco (0575. 503029), e centro visite di Badia Prataglia (0575. 559477).

Torna domenica l’ampia programmazione a partecipazione gratuita presso l’ecomuseo Idro e la diga di Ridracoli della “Festa dell’acqua“.

La giornata si apre alle 8, 30 con la “Elettroscalata e-bike” da Santa Sofia alla diga. Il punto di ritrovo è a Santa Sofia, al parco fluviale.
Il secondo appuntamento, alternativo, alle 9, è con la gara podistica all’impianto di potabilizzazione della diga. Le iscrizioni si effettueranno alle 8,30 prima della partenza. In diga ci saranno anche prove gratuite di mountain bike a pedalata assistita, escursioni in battello elettrico sul lago e escursioni in canoa sul lago con istruttore.
“L’impronta del fauno” sarà una animazione itinerante su trampoli a cura di Terzostudio/Piccola Carovana.

Alle 11, 30 ci sarà la presentazione di “Sinfonidria – la diga che suona”: installazione sonora interattiva. A Idro ci sarà l’apertura della mostra fotografica “Downgrade” di Andrea Bonavita.

Alle 9,30 si potrà partecipare anche a “La festa dell’acqua con delitto”, trekking per famiglie “alla ricerca del mistero”.  Si parte dal Borgo di Ridracoli.

Alle 16 si svolgerà l’incontro “Idro si rinnova”, presentazione del nuovo progetto di allestimento dello spazio espositivo.

Per le 17, 30 è previsto un maestoso spettacolo di trasformismo e illusionismo su trampoli a cura di Terzostudio: “Alto livello” .
Al termine ci sarà una merenda per tutti.
Per informazioni si può contattare sempre Idro, ecomuseo della acque di Ridracoli (tel. 0543 917912; ladigadiridacoli@atlantide.net)


L’escursione “Sui crinali del Falterona verso il Lago degli Idoli” è in partenza da Castagno d’Andrea (San Godenzo) domenica mattina alle 9, 30.
Inserita in Primavera wild del Parco nazionale toccherà alcuni elementi storico-naturalistici di particolare pregio: la Gorga Nera, biotopo di grande interesse conservazionistico dove storia e leggenda si intrecciano; Capo d’Arno, sorgente posta alle pendici del monte Falterona, citata da Dante nella Divina Commedia; il Lago degli Idoli, importante sito archeologico dove fu ritrovata una grande quantità di bronzetti votivi etruschi. La lunghezza è di otto chilometri, per cinquecento metri di dislivello. Il pranzo, al sacco, è a cura dei partecipanti. L’attività è gratuita, ma la prenotazione è obbligatoria.
Informazioni al centro visita del Parco di Castagno d’Andrea ( tel. 348. 7375663; cv.castagnodandrea@parcoforestecasentinesi.it).

La passeggiata “Sui passi di Dante” (San Benedetto in Alpe, Portico e San Benedetto), domenica alle 9, 30 porterà lungo il sentiero della cascata dell’Acquacheta (407) accompagnati dai racconti di un esperto della vita di Dante e dei monaci benedettini che vivevano quelle valli.
Per pranzo ci sarà una salsicciata presso il Molino dei Romiti, alle 12,30 circa.
Per informazioni centro visita del Parco (349. 7667400; cv.sanbenedetto@forestecasentinesi.it) o la pro loco di San Benedetto in Alpe (380. 1893794).

L’Escursione ed interpretazione ambientale all’Eremo di Camaldoli è un percorso ad anello che parte e torna all’insediamento benedettino attraverso l’abetina e la faggeta, toccando punti panoramici che si aprono sulla valle.
Durante l’escursione verranno proposte “soste sensoriali”. E’ un programma adatto anche a famiglie con bambini. Ritrovo davanti all’eremo di Camaldoli alle 10.
Prenotazioni e informazioni al numero 328. 3094444.

Facebooktwitter