Utopia del Buongusto compie 20 anni: grande festa tra riflessioni, cibo e spettacolo

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Utopia del Buongusto compie 20 anni, sarà la serata numero 1301 e coincide con la grande festa con cui Guascone Teatro celebra i 20 anni di vita del festival teatral – gastronomico.

Sabato 4 novembre 2017 al Teatro Verdi Giuseppe di Casciana Terme (Pisa).

Si parte alle 18,00 con un incontro che accoglierà tanti dei protagonisti delle prime 1301 serate. Ospite speciale, Ugo Cornia, scrittore/filosofo, fuoriclasse del “controcanto”. Sarà un appuntamento informale con gli attori, i registi, i cuochi, i sindaci, gli assessori, i poeti, i giornalisti, i tecnici ed il pubblico storico del festival. Per tema, “La cultura fuori dalle cattedrali – 20 anni di posticini”. «Un modo allegro e profondo – spiega il direttore artistico, Andrea kaemmerle – per ringraziare i venti anni passati e sognare i prossimi venti».

Alle 19,30 aperitivo con vino novello e bruschetta. A seguire cena a buffet in teatro. Dalle 21,30 inizierà uno spettacolo concerto happening con interventi di tantissimi artisti, protagonisti dei quattro lustri alle spalle e (speriamo) dei prossimi che verranno. Una non stop di musica e teatro per esorcizzare l’arrivo dell’inverno e l’addio all’estate.

«Sarà una serata per fermare un attimo il tempo tra passato e futuro – aggiunge Kaemmerle – e godersi alla grande il presente con i migliori compagni di viaggio che hanno fatto di Utopia del Buongusto un appuntamento cult dell’estate in Toscana».

Utopia, con oltre 1300 date in venti anni e con quasi 125.000 spettatori, chiude l’edizione 2017 tra cibarie e godimenti di ogni tipo ad ogni angolo del Teatro, con comici, scrittori, drammaturghi, pittori e musicisti tutti riuniti per una notte indimenticabile e birbante. «La notte – sottolinea Kaemmerle – che aspettavamo da 20 anni. Amici venite, sarete a casa vostra!».

Informazioni e prenotazioni al 3280625881-3203667354. Programma completo su www.guasconeteatro.it. Da non perdere una visita al borgo medievale di Lari e al suo castello dei Vicari oggi sede del Museo Dinamico.

Istruzioni per un buon uso di Utopia – Cena (facoltativa) ore 20,00 – Euro 12,00 Inizio spettacoli ore 21,30 – Euro 8,00. E’ possibile prenotare anche per SMS indicando cognome, numero dei prenotati, spettacolo e data dell’evento. Importante: questo tipo di prenotazione sarà valida solo quando confermata dagli organizzatori con sms di risposta da mostrare poi alla biglietteria.

Ormai immancabile, ogni anno ritorna il festival Utopia del Buongusto che ogni volta promette un pieno di serate a base di cene e Teatro. Ventesimo atto di scorribande del primo esperimento internazionale di vita godereccia. Per la direzione artistica di Andrea Kaemmerle, Utopia del Buongusto è un progetto realizzato da Guascone Teatro. Il motto è sempre lo stesso: “Si può solo godere o soffrire, godicchiare non è serio”.

Il festival in cinque mesi, conta di solito oltre cinquanta date disseminate in tutta la Toscana, da giugno fino a novembre in una ventina di Comuni tra le province di Arezzo, Livorno, Firenze, Lucca e Pisa. Tra i vari e tanti ospiti molte compagnie tutte da scoprire provenienti da tutta l’Italia.

Utopia del Buongusto si propone ogni volta come la più grande rete regionale di Teatro all’aperto, più che un evento raro, una buona abitudine normale e semplice. Come sempre Utopia scova e offre al suo pubblico tanti spettacoli inediti, sostenendo la nascita di nuovi copioni e la ricerca drammaturgica.

Nonostante i tagli e le sforbiciate ai bilanci ci prova lo stesso e tutte le volte è un viaggio teatral – gastronomico per aie, frantoi, cortili e sagrati, sempre pronto a sedurre il pubblico con cibi ancora un po’ più buoni e spettacoli ancora un po’ più belli. Una promessa per chi incontra solo adesso la manifestazione diretta da Andrea Kaemmerle. L’atmosfera informale e birbante dei primi anni c’è sempre, ancora la stessa voglia di incontrare persone, accompagnarsi nelle notti di estate e coltivare semi di umanità.

La presentazione di Andrea Kaemmerle (direttore artistico di Guscone Teatro)

«20 anni di Utopia del Buongusto! Mamma mia! Mamma mia quante cose sono accadute, quanti sogni, quante speranze hanno preso forma ed hanno creato un dolce vento d’umanità e piacere che soffia nell’estate di Toscana. Utopia c’è ancora , ancora un po’ cresciuta e sempre più varia. Occasione, sospesa tra il “mistico” ed il godereccio, di fermarsi a pensare, respirare, prendere fiato ed abbandonarsi per qualche ora alla bellezza della nostra terra, ai suoi cibi ed alla sagacia  della sua gente. La formula di Utopia ha vinto perché contiene un’anima di libertà, di leggerezza e follia. Ormai la burocrazia ha vinto, tutto si è fatto quasi impossibile o  proibito ma noi abbiamo assunto come consulente alla realtà tale Frank Kafka aiutato dal suo fido assistente Groucho Marx, pian piano riusciamo ad avanzare tra le nebbie. Questa XX° Edizione? Luoghi ancora più belli e poco noti, angoli di mondo che per una notte diventano teatro per artisti audaci e necessari. Troverete spettacoli mai visti , prime nazionali, grandi classici e tanto teatro musicale.  Poi, a fine spettacolo, chiacchiere con artisti ed autori, ottimo vino e ragionamenti derivati. Abbracci, corpi, compagnia, pensieri. Per la prima volta non faccio nomi di artisti o compagnie teatrali, avete a portata di sguardo 38 pagine di informazioni e suggestioni. Vorrei ringraziarvi, in tutto questo tempo siete stati il carburante ed il movente per continuare questa opposizione poetica al ricatto della fretta, 20 anni lunghi come un piccolo bacio. Tutto sommato dopo più di 1300 serate sapete tutto di Utopia, ma mi piace rilanciare ancora una volta il motto della casa “Si può solo godere o soffrire, godicchiare non è serio“».  

Utopia del Buongusto è un progetto realizzato da Guascone Teatro. Organizzazione Adelaide Vitolo, ufficio stampa Fabrizio Calabrese, comunicazione Fabrizio Liberati, allestimenti Francesco Bianchi, Marco Fiorentini, Fabrizio Liberati, Giovanni Berti, Ernesto Fontanella, fotografia/ grafica Fabrizio Liberati e Marco Fiorentini, curatore Facebook Fernanda B. Preziosissima la collaborazione di AsjaGrisafi, Eva Santalucia,  Donatella Lemmi ed Ettore Del Bene.

Facebooktwitter