Campanile di Giotto, le reliquie sospese in cielo: immagini spettacolari

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Il Campanile di Giotto di Firenze conserva e protegge un reliquiario segreto che si trova in un luogo irraggiungibile.. se non attraverso una operazione spettacolare.

Con l’ausilio di una gigantesca gru con un braccio di 135 metri, gli operai dell’Opera di Santa Maria del Fiore si sono calati dall’alto per controllare il pennone del Campanile di Giotto – un albero di cipresso rosso alto 14 metri, su cui è posta una sfera dorata, contenente reliquie, e una croce – e verificare lo stato di conservazione e, se necessario, intervenire con un restauro.

I lavori odierni fanno parte di un progetto di restauro della struttura lignea di copertura del monumento, i cui lavori sono iniziati a marzo di quest’anno.

Il pennone del Campanile di Giotto Opera del Duomo di Firenze – Claudio Giovannini

Questi interventi fanno parte dei lavori di manutenzione dei monumenti del Duomo di Firenze che permettono di individuare i possibili degradi e programmare gli interventi di restauro.

Il Campanile di Giotto è una delle quattro componenti principali di Piazza del Duomo. Alto 84.70 metri e largo circa 15 è la più eloquente testimonianza dell’architettura gotica fiorentina del Trecento, che pur nello slancio verticale non abbandona il principio della solidità. Presenta dei rafforzi angolari che salgono fino al coronamento a sbalzo orizzontale.

Rivestito di marmi bianchi, rossi e verdi come quelli che adornano la Cattedrale, il maestoso campanile a base quadrata, considerato il più bello d’Italia – probabilmente creato più come elemento decorativo che funzionale – fu iniziato da Giotto nel 1334. Alla sua morte, avvenuta nel 1337, Giotto riesce a vedere realizzata solo la prima parte del progetto, fino all’altezza delle formelle esagonali, una sorta di racconto figurativo, eseguite da Andrea Pisano su disegni dello stesso Giotto, e i rilievi, anticamente con campitura azzurra, dello stesso Andrea Pisano e di Luca della Robbia.

Proseguito da Andrea Pisano, che finì i primi due piani rispettando il progetto giottesco, il Campanile si abbellì con la decorazione esterna a losanghe anche con l’intervento di Alberto Arnoldi. Nel ricco apparato decorativo delle formelle esagonali e delle losanghe, si esprime il concetto dell’ordinamento universale e della storia della Redenzione. I rilievi iniziano con la Creazione dell’uomo e si susseguono con la rappresentazione delle sue attività, i Pianeti che regolano il corso della sua esistenza, le Virtù che lo fortificano, le Arti Liberali che lo istruiscono e i Sacramenti che lo santificano.

Una parola a parte meritano le statue, concepite come elementi integranti dell’edificio piuttosto che come componenti decorative.
Nel secondo ripiano, infatti, ai bassorilievi, Andrea Pisano sostituì sedici nicchie destinate a contenere figure di Re e di Sibille e statue di Patriarchi e di Profeti, quest’ultime eseguite successivamente anche da Nanni di Banco e Donatello, tra le quali il bellissimo gruppo del Sacrificio di Isacco di Donatello, che rappresenta una delle conquiste più alte del naturalismo quattrocentesco in scultura.
Gli originali di tutte le sculture, per motivi conservativi, si trovano al Museo dell’Opera del Duomo.

Per due anni, dal 1348 al 1350, i lavori vennero interrotti, ma il Campanile fu portato a termine nel 1359, dopo gli anni terribili della peste nera, da Francesco Talenti, creatore geniale dei finestroni dei livelli alti, che ebbe il merito di trapassare la struttura con la luce, grazie alle bifore accoppiate di gusto senese e alle grandi trifore timpanate, rendendo così l’edificio elegantemente gotico pur mantenendo l’impostazione classica dell’insieme.
Una grande terrazza, posta a più di 400 scalini da terra, protesa verso l’esterno, che fa da tetto panoramico è l’ultimo tassello dell’opera del Talenti, che respinge così il progetto della copertura a guglie cuspidata di Giotto.

Il pennone del Campanile di Giotto Opera del Duomo di Firenze – Claudio Giovannini

Il reliquiario all’interno della palla d’oro

Il pennone del Campanile di Giotto Opera del Duomo di Firenze – Claudio Giovannini
Facebooktwitter