Carnevale di Orentano cinque domeniche con musica, animazione ed allegria

Facebooktwitteryoutubeinstagram

L’obiettivo è di superare tutti i record di presenze per la 63esima edizione del Carnevale di Orentano. L’anno scorso furono oltre 5mila i biglietti staccati per l’imperdibile festa mascherata a misura di bambino.

Il corso mascherato dedicato ai più piccoli torna infatti a divertire nelle strade e piazze della frazione castelfranchese con tante sorprese, a partire da domenica 21 gennaio, per proseguire con una serie di appuntamenti da non perdere nelle domeniche del 28 gennaio, 4, 11 e 18 febbraio, e la grande festa del 13 febbraio per Martedì Grasso.

Come vuole la tradizione i carri allegorici sfilano nel centro del paese accompagnati dalla musica di bande che suonano dal vivo allegri motivi tutti da ballare. I bambini possono salire sopra alle strutture che raffigurano i personaggi a loro più cari, cartoon e protagonisti delle loro storie preferite, che si alternano ogni domenica. La grande novità di quest’anno è il nuovo carro “Il libro della giungla”, ispirato alle avventure del piccolo Mowgli e dei suoi amici animali. La struttura è stata costruita tenendo conto con cura delle prescrizioni per la sicurezza, per poter garantire un divertimento in tutta tranquillità.

Ad accompagnare il corso mascherato ci saranno inoltre, anche quest’anno, le tipicità locali da gustare: pizza e cecina della tradizionale sagra estiva. Altra attrazione in più è il Luna Park che sarà montato per tutto il corso della manifestazione in piazza Roma.

Il corso di apertura, il 21 gennaio, vedrà subito inaugurare il nuovo carro “Il libro della giungla” accompagnato dal complesso folkloristico “La Ranocchia” di Orentano.

Domenica 28 gennaio le maschere tornano a sfilare con il carro “Minions e Topolino” al ritmo del complesso folkloristico “La Scala” di San Miniato. Domenica 4 febbraio sarà la volta del carro “La famiglia Adams” che sfilerà al suono del complesso “La Sorgente” di Quiesa (Lucca). Domenica 11 febbraio i bambini potranno salire sopra al carro “SpongeBob” con la musica coinvolgente del complesso “G. Puccini” di Colle di Compito. E infine il 18 febbraio la domenica di chiusura con il corso mascherato dedicato al “Treno del far west” con la musica del complesso folkloristico “La Ranocchia” di Orentano.

Da non perdere la festa per Martedì Grasso il 13 febbraio dalle ore 19,30: nel locale riscaldato della sagra della pizza ci sarà un Veglione di Fine Carnevale in Maschera con animazione per bambini e uno spettacolo a cura della scuola di ballo “Simply Dance”. Musica e divertimento e alle 22,30 il Falò del “Testone” di carnevale: sarà bruciato lo storico logo in paglia del diametro di 4 metri.

Un’altra novità di quest’anno sarà la partecipazione delle Contrade del Palio dei Barchini di Castelfranco che sfileranno la prima e la terza domenica della manifestazione (21 gennaio e 4 febbraio) con i loro sbandieratori e musici.

Molto importante: in caso di pioggia nelle domeniche di Carnevale, la festa si terrà ugualmente nei locali della sagra della pizza (al coperto), con animazione e merenda per grandi e piccini.

Anche in questa edizione ci sarà la partecipazione dei bambini delle scuole elementari e dell’infanzia di Orentano e Villa Campanile che sfileranno con delle maschere realizzate a scuola e con l’aiuto dei loro genitori. Le loro creazioni insieme a disegni e altre idee sul tema del Carnevale saranno premiate sabato 24 febbraio all’interno del concorso “Festa del colore”.

Sicurezza. Tutta la manifestazione rispetterà in modo scrupoloso le misure di sicurezza in modo da garantire lo svolgimento della festa in tranquillità. Oltre al divieto all’utilizzo di bombolette spray e all’esplosione di fuochi pirotecnici, da quest’anno sarà adottata anche la cosiddetta “ordinanza anti-vetro”, su disposizione del Prefetto di Pisa: sarà vietato circolare con bottiglie e bicchieri di vetro nell’area pubblica; si potranno invece vendere e somministrare bibite in recipienti di vetro all’interno di bar e ristoranti, fatto salvo che rimangano dentro ai locali di somministrazione.

“Con il Carnevale di Orentano si rinnovano tradizione e innovazione – ha commentato il sindaco Gabriele Toti – . Viene portata avanti un’iniziativa ormai storica, che da ben 63 anni riesce in ogni edizione ad essere riproposta con un impegno rinvigorito. Stupisce positivamente la partecipazione complessiva di tutta la comunità che vede in questo evento, per quanto ludico, un forte punto di riferimento nella vita sociale”.

“A Castelfranco ci sono oltre 100 associazioni che negli ultimi anni non sono più realtà a sé stanti. C’è stato infatti una grande miglioramento nella partecipazione e nel dialogo delle persone che collaborano in numerose iniziate, molte delle quali, come nel caso del Carnevale di Orentano, riescono ad avvicinare il Capoluogo con le due frazioni di Castelfranco”.

Il biglietto d’ingresso rimane una cifra simbolica: il ridotto (per militari e i ragazzi da 13 a 17 anni) è 2 euro, l’intero 3 euro. I bambini mascherati fino a 12 anni (compresi) non pagano.

Facebooktwitter