Camminata tra gli olivi: olio, degustazioni, tradizioni e luoghi d’arte

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Presentata questa mattina presso la sede della Regione Toscana la Camminata tra gli Olivi alla presenza del coordinatore regionale di Marcello Bonechi, dell’assessore Marco Remaschi, del direttore Ente Terre Regionali Toscane Claudio Del Re, del direttore Citta Dell’Olio Antonio Balenzano e dei consiglieri regionali Stefano Scaramelli e Simone Bezzini.

Marco Remaschi, Assessore all’Agricoltura della Toscana ha così commentato l’evento: “la Camminata tra gli ulivi, insieme alle altre iniziative promosse dall’Associazione, e l’educazione al consumo sono tutti elementi fondamentali per portare avanti una costante promozione della cultura dell’olio che deve coinvolgere sempre di più scuole, consumatori finali, mondo della ristorazione. Gli aspetti legati al paesaggio e alla cultura olivicola – continua l’assessore Remaschi- sono importanti ma al tempo stesso occorre che chi si impegna nel settore trovi un’adeguata remunerazione. L’obiettivo è che il settore olivicolo toscano possa arrivare ai livelli di quello vitivinicolo, in termini di redditività. Non è un caso che, seppur incida sul 3-4% di quella nazionale, la produzione toscana rappresenti circa il 40% delle produzioni certificate nazionali”.

Domenica 28 ottobre si va alla scoperta di un patrimonio verde in Toscana che rappresenta anche l’identità culturale della nostra terra. La Camminata tra gli olivi, promossa dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in tutta Italia e in 122 Comuni, conduce i partecipanti alla scoperta di piante spesso secolari, che hanno contribuito a costruire la storia del paesaggio e delle comunità.

Reggello in provincia di Firenze, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardengo, Chiusi, Montepulciano, Murlo, Rapolano Terme, Sarteano, Sinalunga Trequanda in provincia di Siena, Buti, Riparbella e Vicopisano in provincia di Pisa, CapalbioPitigliano Semproniano in provincia di Grosseto, Castiglion Fiorentino in provincia di Arezzo e Rosignano Marittimo in provincia di Livorno gli itinerari proposti.

A Pisa frantoi, terrazzamenti a secco, panorami di rara bellezza con boschi, oliveti, vigneti, una campagna lavorata con maestria e la vista aperta del mare, con percorsi da fare anche in bicicletta. A Siena le mura di Monteriggioni e le torri di San Gimignano, l’incredibile paesaggio delle crete e la suggestione degli insediamenti etruschi. La campagna tra oliveti e vigneti, i frantoi e le cantine, le strade bianche costeggiate da oliveti e fattorie e l’esperienza della lavorazione dell’oliva, completano l’offerta. Ad Arezzo un percorso che parte e arriva ai due frantoi locali, si addentra negli uliveti di Todiolo, Cà de Bardi, Santa Margherita, Santa Cristina e Caprile senza dimenticare gli antichi mulini. Le colline fiorentine accendono i riflettori su calanchi e colline terrazzate, intensamente coltivate a vite e soprattutto a olivo e punteggiate dalle maestose pievi. A Livorno infine il paesaggio olivicolo annovera esemplari storici, piante secolari ancora cinte in chiudende murate.

L’Associazione Nazionale Città dell’Olio con questa iniziativa, lanciata l’anno scorso con una edizione pilota che ha raccolto subito nel paese oltre ventimila presenze, intende promuovere la qualità e il valore dell’olio extravergine, l’impegno quotidiano degli olivicoltori, veri custodi del patrimonio verde dei territori, e anche proporre percorsi alla scoperta del paesaggio e dei prodotti che ne sono figli. Nell’anno dedicato al Cibo Italiano il valore della passeggiata nelle coltivazioni di olivi ripropone quella sinergia fra sviluppo di un settore economico di grande interesse ma bisognoso di sostegno e incentivi e il grande successo che il turismo esperienziale e all’aria aperta sta riscuotendo in questi ultimi anni sia da parte delle famiglie italiane che di quelle straniere.

Per scegliere il proprio percorso o solo per saperne di più basta un click. È on line il sito www.camminatatragliolivi.it per scaricare subito il programma della giornata e trovare notizie sul territorio, il paesaggio, la storia. E c’è anchela fan page su Facebook e i canali Instagram e Twitter con l’hashtag #camminatatragliolivi che potrà essere utilizzato anche per postare foto dei luoghi e degli eventi così da creare una vera e propria community della giornata.

L’Associazione Nazionale Città dell’Olio, con i suoi oltre 320 soci tutti enti pubblici (Comuni, Province, CCIAA, Parchi e GAL) tutela il territorio olivicolo e si batte per la valorizzazione dei paesaggi e per l’inserimento di aree territoriali olivicole nel prestigioso Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici del Ministero delle Politiche Agricole.

Info www.camminatatragliolivi.it

Facebooktwitter