Economia circolare a Prato: tra moda e cibo, è il Festival Recò

Facebooktwitteryoutubeinstagram

 Il Festival Recò, Prato si candida come capitale dell’economia circolare. Un nuovo modo di pensare l’economia, una nuova maniera di immaginare prodotti e processi di produzione virtuosi, poco impattanti, equi e ad alto valore sociale e territoriale.
Prende il via domani, giovedì 21 marzo, fino al 24 marzo.

La città ospiterà un percorso diffuso, fatto di incontri, musica e teatro, per declinare il tema attorno a quattro aree d’interesse: modaciboturismo e architettura. Domenica 24 marzo è prevista un’incursione guidata nel cuore pulsante del territorio – le aziende – con la giornata dal titolo Open Factories, tour che toccherà alcune tra le realtà produttive del tessile più attive dal punto di vista della sostenibilità ambientale e del riciclo creativo.

“Un evento per fare il punto sulle già molte buone pratiche locali – Prato, città virtuosa ne è l’esempio – e ospitare il meglio dello stato dell’arte italiano, europeo e internazionale sull’economia circolare” è il filo rosso che lega il festival diffuso in tutta la città attraverso un percorso punteggiato e originale – che coinvolgerà varie realtà sul territorio – e porterà il pubblico a conoscere quella che oggi viene considerata una vera rivoluzione: l’economia circolare, un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo.

“Non c’è altro posto in Europa per discutere sull’economia circolare – dichiara il sindaco Matteo Biffoni –. Prato è una città che con i suoi mezzi sta facendo un grande lavoro. La scommessa è rendere Recò un acceleratore per l’attività normativa e legislativa in Italia e in Europa. Stiamo ancora aspettando le norme per il riciclo sul tessile dal Ministero dell’Ambiente. Recò sarà il contesto dove fare il punto su questi temi e pretendere di essere ascoltati”.

“A Prato si fa economia circolare da più di 100 anni – afferma Daniela Toccafondi, assessore alle Politiche economiche del Comune di Prato – . Recò coinvolge tutta la città in un circolo virtuoso. L’obiettivo di questo festival è trasmettere questo know how consolidato ai più giovani, parlando di temi fondamentali con leggerezza e divertendo, con eventi, performance e concerti. Tra le iniziative a cui teniamo di più il tour nelle Open Factories, che racconterà le storie delle nostre aziende”.

“L’economia circolare è una tra le risposte che noi adulti possiamo dare ai giovani che venerdì scorso sono scesi in piazza per il Global Strike – chiude Alessandro Colombo, direttore del festival – . A meno di una settimana, a Recò si farà il punto su queste tematiche di importanza globale”.

Il programma

Saranno quattro giorni di eventi per conoscere e interagire con le migliori pratiche nell’ambito della sostenibilità e rigenerazione. L’economia circolare sarà raccontata attraverso incontri con i massimi esperti in materia, concerti ed eventi per famiglie, alternati a spettacoli teatrali eperformance nel distretto industriale pratese e nelle sue aziende. “Non si butta via nulla” è la filosofia che Prato ha applicato all’industria del tessile, alla rigenerazione urbana, alla rete idrica e -come da tradizione toscana – ai suoi piatti più noti, ponendosi come “capitale dell’economia della rigenerazione”. Nasce proprio da qui l’idea di organizzare un festival che vede come soggetti coinvolti la Regione Toscana e Toscana Promozione con il coordinamento del Comune di Prato. La direzione artistica è affidata ad Alessandro Colombo che vanta una lunga esperienza nell’ambito formativo delle industrie creative e delle imprese culturali.

Primo giorno 21 marzo

Tra gli eventi speciali del primo giorno al Centro Pecci (alle 21) la proiezione, per la prima volta al cinema, di “Fiume senza fine”, puntata speciale di BLOB (lo storico programma di Raitre) alla presenza degli autori Simona Buonaiuto e Vittorio Manigrasso. La proiezione ripercorrerà 30 anni di televisione stile “blob”, il programma di genere satirico andato in onda per la prima volta nel 1989. Il festival sarà inaugurato alle 18.30, (presso il polo Campolmi di Prato) con un aperitivo circolare alla presenza di Matteo Biffoni (Sindaco di Prato); Daniela Toccafondi (Assessore alla Semplificazione e alle Politiche economiche e per il lavoro del Comune di Prato); Stefano Ciuoffo (Assessore Attività produttive, al credito, al turismo, al commercio Regione Toscana) e Francesco Palumbo (direttore Toscana Promozione Turistica). La prima giornata del festival partirà alle 10 con la presentazione della performance “Do U care? con Katia Giuliani e Paolo Mereu prodotta da Metastasio. I due artisti vivranno giorno e notte – per la durata del festival – sotto osservazione del pubblico (Spazio Consorzio Santa Trinita) e ripresi con webcam e live su Instagram, ma senza beni di prima necessità. Saranno gli spettatori ad aiutarli ad alimentarsi, vestirsi, dormire secondo i dettami dell’ecosostenibilità.

Programma – TALK

La sezione del festival dedicata ai talk vedrà – tra gli altri – la presenza di Aldo Colonetti (filosofo, storico e teorico dell’arte, del design e dell’architettura) in un incontro dal titolo “Il pensiero sostenibile (22/03 al Museo del Tessuto, ore 16.15); dei rappresentanti di Intesa San Paolo, UniCredit, Banca Etica, Associazione Europea di Crowdfunding, su “Metodi e strumenti per sviluppare e finanziare progetti di economia circolare e di impact investing” (22/03 al Museo del Tessuto, ore 15.15); degli architetti Ricardo Flores e Eva Prats sul tema “La disciplina dell’esistente” a cura di Marco Brizzi (23/03 al Museo del Tessuto, ore 16). Sempre sabato 23 si parlerà di economia circolare nella moda con Marco Landi (Presidente CNA Federmoda); Moreno Vignolini (Presidente di Federazione Moda Confartigianato); Fiori Zafeiropoulou (Fashion Revolution); Daniel Perez Barriga (Fondatore Quaterboy); Roberto Tribioli (AD Patrizia Pepe) e Francesca Rulli (Process factory).

Durante la stessa giornata si terranno una serie di incontri da Enrico Giovannini (già Ministro del lavoro e delle politiche social del Governo Letta, ore 11) a Marco Bardazzi (responsabile relazioni esterne di ENI, ore 11.30) fino a Ermete Realacci (presidente di Fondazione Symbola, ore 11.30). Di giornalismo sostenibile e “rigenerato” si parlerà con Federico Ferrazza, direttore di Wired.it, una delle prime riviste italiane ad essere passate dal cartaceo al web (ore 18). Tra gli appuntamenti in programma sabato 23 anche quello sul tema “Il ruolo delle città nell’economia circolare” conSimona Bonafè, europarlamentare; Matteo Biffoni, sindaco di Prato; Stefano Ciuoffo, assessore attività produttive, al credito, al turismo, al commercio Regione Toscana; Francesco Palumbo, direttore Toscana Promozione Turistica e Marialina Marcucci, presidente Carnevale di Viareggio. L’incontro sarà moderato dal giornalista Gad Lerner (dalle ore 9.30). Di “cibo circolare” si parlerà in un incontro presso il Refettorio Cicognini (23 marzo, dalle 17) con Leonardo Borsacchi (Pin); Marco Bardazzi (Gran Prato); Giulia Pasquini (Lucart). Al termine dell’incontro sarà proiettato il video dedicato alla “Pappa al pomodoro gourmet” a cura dello chef Angiolo Barni. Alla fine del talk sarà offerto un piatto di pappa al pomodoro e un bicchiere di vino di Carmignano ai partecipanti.

Spettacoli, musica e teatro

L’economia circolare passa anche dalla cultura: in programma il concerto Largo al Factotum con Elio e Roberto Prosseda (22/03 al Metastasio), viaggio originale, divertente e raffinato nella storia della musica, da Rossini a Mozart, fino alle canzoni moderne, che vedrà Elio interpretare – tra gli altri – Don Giovanni e il Barbiere di Siviglia. E poi i live di Don PastaMakkox (con l’evento “La politica circolare”) e l’incontro con i redattori deIlLercio.it per l’evento Lercio Live (23/03 al Metastasio). Tra gli eventi speciali l’evento Music & Water con il concerto di Naomi Berrill, duetto per violoncello nella cornice dell’impianto di depurazione GIDA (24/03).  L’evento di chiusura del festival si terrà presso Manteco SpA (dalle 19.30 alle 21.30), prenotazione obbligatoria, con la performance No Title Yet a cura di Kinkaleri/Jacopo Benassi che porteranno dentro l’azienda una performance di danza contemporanea. Alla Manifattura Digitali Cinema si terrà una selezione dei della rassegna cinematografica Clorofilla, una iniziativa promossa da Legambiente, con 3 film dedicate al tema (il 22 e 23 marzo). Per tutto il periodo del festival in piazza del Comune, inoltre, si terrà l’esposizione del Carnevale di Viareggio (sull’opera di riciclo). 

Domenica inedita con Open Factories

Inedita e originale la performance di Luca Scarlini, scrittore e drammaturgo, che racconterà Prato e la sua tradizione industriale con una narrazione dentro alcune aziende interpretando la loro storia e tradizione, domenica 24 marzo, con la giornata denominata Open Factories. Il percorso prevede la visita in tre aziende del distretto tessile che hanno saputo trovare soluzioni altamente funzionali in chiave di sostenibilità e tutela ambientale. I partecipanti avranno la possibilità di visitare gli impianti di Co.mi.Stra, Rifinizione Nuova Fibre Spa e Pontetorto, ascoltando la storia delle innovazioni tecnologiche dalla viva voce degli imprenditori. Il tour in pullman avrà inizio da piazza Mercato Nuovo alle 9.15 e si concluderà alle 17 all’impianto di depurazione delle acque industriali GIDA, dove avrà luogo la performance della musicista Naomi Berrill. Max 100 posti con prenotazione obbligatoria. Biglietti su Eventbrite: https://bit.ly/2HG0iJK

Perché a Prato?

La città di Prato vanta molti primati, tra cui una tradizione di lunga data nella rigenerazione dei tessuti e una cultura imprenditoriale adatta a incubare i nuovi modelli proposti dall’economia circolare. A Prato l’economia circolare si fa con GIDA dagli anni 90, il primo impianto di depurazione industriale delle acque reflue, e anche grazie alle politiche di riuso e trasformazione del patrimonio edilizio esistente, in particolare quello industriale delle aree urbane, nella logica di delineare uno scenario di sviluppo sostenibile della città a “volume zero”. E’ proprio per questo che da dicembre 2016 Prato è diventata la referente italiana al tavolo europeo dell’Agenda Urbana sulla Circular Economy, dove attraverso la cooperazione tra Stati Membri, Autorità Urbane, Commissione Europea ed altri stakeholder si sta lavorando per influenzare la nuova programmazione e le politiche europee sul tema. Questo è uno scenario perfetto per candidare Prato come città protagonista sui temi della sostenibilità e dell’economia circolare. In questo contesto, la città di Prato può candidarsi di diritto a diventare un punto di riferimento internazionale per l’economia circolare.

Il festival si avvale del contributo della Regione Toscana, Toscana Promozione e la collaborazione del Comune di Prato; il coordinamento dello Sportello Europa Assessorato allo Sviluppo Economico del Comune di Prato e la partnership de La Triennale di Milano, Wired, Fondazione Symbola G.I.D.A, Chimica Verde Bionet, Legambiente Toscana, Il PIN – Polo Universitario di Prato e molti altri.

Informazioni su www.recofestival.it; su facebook: @RecoFestival

Facebooktwitter