C’è una Toscana nascosta da scoprire fuori dalle grandi città

Facebooktwitteryoutubeinstagram

La Toscana è ricca di borghi e di località suggestive, ma quante sono realmente meta di una visita? Molto spesso i flussi turistici gravitano all’interno dei centri storici e la gita fuori porta diventa una toccata e fuga, più utile per farsi un selfie che per apprezzare lo spirito dei luoghi. Le leggende, le storie di paese, i sapori dei prodotti e dei piatti tipici sono la vera essenza di un viaggio in Toscana. Ed allora che fare per non perdersi il meglio? In un periodo storico in cui tutto diventa virtuale, la natura rischia di diventare solo una fotografia da guardare. Dove trovare un sentiero da percorrere, un ruscello da ascoltare mentre accarezza le pietre della montagna, un buon bicchiere di vino, un tramonto tra le colline all’ombra dei cipressi, una colazione gustata all’interno di un vecchio granaio, una fetta di pane cosparsa di olio, una zuppa calda e le stelle che illuminano la notte? La soluzione potrebbe essere quella di immergersi nella natura scegliendo di affittare una casa vacanza per soggiornare fuori dalle grandi città.

Non è un caso se la Regione Toscana nel 2020 ha invitato alla scoperta dei piccoli borghi, dei gioielli della costa e dell’entroterra toscano con l’iniziativa Un’altra estate con 9 tappe disseminate lungo la Toscana da Luglio a Settembre ad iniziare con l’isola d’Elba e Porto Azzurro, poi Massa MarittimaMonte Argentario, VolterraBargaSuveretoGambassi TermeSan Miniato e Livorno che ospiterà la chiusura della manifestazione.

Attorno a città d’arte come Arezzo, Firenze, Lucca, Pisa o Siena esistono numerose opportunità per godersi una vacanza rilassante a contatto con la natura. Villette, case indipendenti, campeggi, bungalow, bed and breakfast oppure case mobili possono diventare un’occasione per scoprire davvero la Toscana, purché si trovino in una posizione perfetta.

Due i focus presentati dalla Regione Toscana alla Borsa Internazionale del Turismo 2020: contemporaneità e sostenibilità. Una ricca offerta di eventi ed attività legati alla creatività contemporanea della Regione e di servizi turistici green e sostenibili declinata nelle diverse tipologie di vacanza sulle quali la Toscana intende puntare per quest’anno: agroalimentare, arte, eventi, Toscana sostenibile, outdoor e romantica.

Tra antichi borghi e suggestivi santuari, vasche termali o cammini nel bosco o vista mare ci sono luoghi che possono trasformare un semplice week end in una splendida fuga romantica o in una vacanza di totale relax come ad esempio in Val d’Orcia, nel Chianti o nelle Crete Senesi ed ancora la Val di Cecina o località come Saturnia, PitiglianoScansano, Populonia, San GalganoMontepulciano, Monteriggioni, ed ancora dal Monte Argentario fin sull’Amiata.

Una vacanza in totale libertà. Soggiornare fuori dai flussi turistici significa non avere orari e poter gustare la colazione ammirando il sorgere del sole o dopo una bella passeggiata all’aria aperta. Percorrere un sentiero nel bosco, fermarsi per un picnic in riva al lago o sulle sponde di un ruscello, fare capriole sull’erba di un prato. La degustazione di prodotti tipici come vino, olio, pasta, formaggio e salumi tra ribollita, pici, bistecca alla fiorentina, pecorino e cantucci, sarà l’occasione per dare un sapore veramente italiano alla vacanza. E dopo lo spettacolo del tramonto arriva la notte per sorseggiare una bevanda calda osservando le stelle.

E per chi ama il contatto diretto con la natura, in Italia non mancano i grandi parchi naturali. Ecco alcune idee di viaggio, in Toscana e non solo.

  • Parco della Maremma

Il Parco regionale della Maremma, è un’oasi di 9mila ettari lungo la costatra Principina a Mare e Talamone, nei comuni di Grosseto, Magliano in Toscana e Orbetello. Protagonisti sono i monti dell’Uccellina, tra vecchie torri ed abbazie cistercense ma anche spiagge e coste rocciose.

  • Parco naturale delle foreste casentinesi

l Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna che si trova sull’Appennino tosco-romagnolo sul versante del Casentino è il regno dei monaci camaldolesi. Da visitare immersi nella natura ci sono l’Eremo di Camaldoli ed il santuario della Verna oltre alle località di Stia e Pratovecchio.

  • Parco Nazionale del Gran Paradiso 

Dal 1922 è il parco più antico d’Italia, regno di stambecchi e di camosci. Tra il Piemonte e la Valle d’Aosta è il tetto d’Italia con il suo sguardo a quattromila metri d’altezza.

  • Parco Nazionale dello Stelvio

E’ il più grande parco italiano, dominato dall’aquila reale, marmotte, stambecchi e cervi. Le cime dell’Ortles svettano oltre i tremila metri d’altezza.

  • Parco Naturale Adamello Brenta

Immerso in un’atmosfera incantata dominata da laghi e ghiacciai è la perla del Trentino.

  • Parco Nazionale del Circeo

Tra le città di Anzio e Terracina, la leggendaria dimora di Circe è ricca di panorami mozzafiato.

Facebooktwitter