Primi ospiti della stagione alle terme di Bagno Vignoni

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Tornano ad accogliere gli ospiti le terme di Bagno Vignoni nella Val d’Orcia sulla Via Francigena “Aprire la nostra Casa per offrirvi la possibilità di trascorrere giorni di pace, benessere, amore, serenità a contatto con la natura e gustando tutto il buono e il bello che c’è qui è per noi una felicità immensa. La seconda riguarda noi, perché finalmente possiamo fare ciò che sappiamo fare meglio: creare ospitalità. Che sia una stagione ricca di positività, non vediamo l’ora di vedervi belli rilassati qui con noi. La Val d’Orcia è magnifica, ve lo possiamo assicurare. E ci piace ripeterlo anche se lo sapete già. Sì, oggi è proprio un bel giorno“.

Da oggi riaprono le terme di Bagno Vignoni nelle piscine all’aperto dell’Hotel Posta Marcucci con le prenotazioni per le camere arrivate nelle ultime ore per festeggiare la fine del lockdown con un bagno sulfureo sulle crete senesi “Torniamo a fare quello che sappiamo fare, vale a dire prenderci cura di voi, cari ospiti. La natura, le acque benefiche, i colori della Val d’Orcia, sono il miglior toccasana per ritrovare quella luce che deve colorare la nostra vita“.

Chiara Pieri, direttrice dell’albergo, ha spiegato che la famiglia Costa proprietaria della struttura si è fatta carico di pagare gli stipendi al personale durante la chiusura.

L’acqua sgorga dalla terra alla temperatura di 49° C. e in silenzio si addormenta nella piscina che si affaccia sulla valle e sulla Rocca di Tentennano. Due sono le vasche circondate da un giardino alberato. Nella prima la temperatura si stabilizza fra i 35 e i 38° C, nella seconda fra i 28 e i 32° C. Un’alternanza di calore che è un’altalena di benessere. Quest’acqua ricca di calcio, ferro e zinco si distingue da secoli per la sua salubrità.

La famiglia Marcucci  a partire dalla metà dell’800, gestisce prima una locanda con rivendita di alimentari e recapito postale a Bagno Vignoni e un secolo dopo, anni Cinquanta del 900, costruisce il corpo centrale dell’attuale albergo su una vigna spiantata.

Facebooktwitter